language

Concerti solistici galanti tra Napoli e Madrid – I Musici di Corte

Lo stile galante in musica si diffuse dagli anni 1760 a fino al 1790 circa. Si connotò per una grande rilevanza riservata alla melodia, con esiti di assoluta facilità di ascolto, appunto quasi salottiera, civettuola. “Concerti solistici galanti tra Napoli e Madrid” (Cappella Strumentale “I Musici di Corte” – Ass. Cult. “F. Durante”) propone musiche poco note o del tutto inedite di grandi compositori e di figure di secondo piano attivi a Napoli durante il regno di Ferdinando IV e a Madrid durante quello del padre di Ferdinando (Carlo III di Spagna) e del fratello (Carlo IV). Interessanti gli inediti assoluti costituiti dal concerto di Paganelli per violino e archi e dalla gustosa “Ninna Nonna” di Millico (composta per lady Hamilton).

Niccolò Jommelli (Aversa, 1714 – Napoli, 1774)
Sinfonia I in mi maggiore da Simphonie novelle, Paris
I. Presto – II. Andante – III. Allegro

Domenico Cimarosa (Aversa, 1749 – Venezia, 1801)
Femmena, fuoco, furia aria per soprano, 2 violini e basso continuo

Giuseppe Paganelli (Padova, 1710 – Madrid, 1763?)
Concerto in la maggiore per violino e archi inedito, Stockholm, Musik- och teaterbibliotek
I. Moderato – II. Adagio – III. Allegro assai

Giuseppe Vito Millico (Terlizzi, 1737 – Napoli, 1802)
La ninna nonna per soprano e archi per Lady Hamilton Lyons, inedito

Luigi Boccherini (Lucca, 1743 – Madrid, 1805)
Concerto in sol maggiore per violoncello e archi G 480
I. Allegro – II. Adagio – III. Allegro

Laura Di Giugno soprano
Vincenzo Varallo
 violino solista
Luigi Varallo violocello solista
Cappella Vocale e Strumentale “I Musici di Corte”

Vincenzo Varallo, Silvia Iacobelli, Nella Nero violini I
Antonietta Aiello, Debora Bovino, Eleonora Fonzo violini II
Margherita Volpicelli viola
Luigi Varallo, Ester Ferrucci violoncello
Pasquale Gentile contrabbasso
Pietro Di Lorenzo clavicembalo, direzione

Ricercare suoni, programmi e allestimenti con rigore filologico (per strumenti utilizzati, prassi esecutive) e gradevolezza di ascolto. Proporre musiche medievali, rinascimentali e barocche, con qualche puntata nel repertorio cameristico di Rossini: musiche spesso poco conosciute o inedite. Dal 1994 la Cappella Vocale e Strumentale “I Musici di Corte” lavora centrando le sue azioni su questi obiettivi, con un organico flessibile per ciascun repertorio e periodo storico. È parte dell’Associazione Culturale “Francesco Durante”, con la quale ha curato la pubblicazione e l’esecuzione di musiche inedite e la realizzazione di concerti per le rassegne organizzate in proprio (“Il trionfo del tempo e del disinganno”, XXVI edizioni; “…dove la musica incontra il suo tempo”, XVII edizioni, “Medievalia”, XI edizioni) e per enti e associazioni in regioni del centro-sud d’Italia.