language

Riflettori accesi nel fine settimana sull’Acquedotto carolino e sul Belvedere di S. Leucio


L’Acquedotto carolino e il Real Belvedere di San Leucio di nuovo protagonisti nel prossimo fine settimana. Sabato 28 settembre e domenica 29 settembre torna l’appuntamento con gli eventi previsti dal progetto “Comunicare il sito Unesco e i musei del territorio: identità visiva e presenza on line – Emozioni e suggestioni borboniche, musiche, storie, giochi e sapori nel sito Unesco di Caserta e nei musei del territorio”.

Sabato 28 settembre, dalle 16.30 alle 18.30, lo scenario è la suggestiva cornice dell’Acquedotto carolino, inserito dall’Unesco nel 1997 con la Reggia di Caserta e il complesso industriale di San Leucio, nella World Heritage List. I Ponti della Valle si animeranno con “Camminando sulla via d’acqua”, trekking e visite guidate con il Club Alpino italiano – Sezione di Caserta. Ai piedi della imponente struttura verrà, inoltre, allestita una parete attrezzata per l’arrampicata sportiva dei bambini. A conclusione sarà possibile assaggiare le tipicità enogastronomiche locali a cura di aziende del territorio. La partecipazione all’evento è gratuita.

Il programma di “Camminando sulla via d’acqua” prevede una passeggiata sul tratto dell’acquedotto vanvitelliano, noto come i Ponti della Valle a Valle di Maddaloni, di circa un’ora, in gruppi di massimo 30 persone. Sarà possibile percorrere il camminamento superiore della struttura, aperto eccezionalmente al pubblico per l’occasione. E’ richiesto un abbigliamento comodo e adatto a una escursione in campagna.

Domenica 29 settembre, dalle 10.30 alle 11.45, al Belvedere di San Leucio andrà in scena la teatralizzazione in costume “Pulecenella a corte” a cura di Fabbrica Wojtyla. Poco prima del gran pranzo reale, un cuoco e una cameriera di corte sono indaffarati nei preparativi quando ascoltano un litigio tra re Ferdinando e Maria Carolina. E’ lo spunto per coinvolgere il pubblico in una catena di pettegolezzi sulle diversità dei due personaggi reali, che diventa anche battaglia culinaria. Il sopraggiungere di Pulecenella è occasione di satira politica e riflessioni morali sulla rivoluzione imminente.